fbpx

Il bilancio positivo dell’Anno Speciale dedicato alla cura della casa comune. Una nuova piattaforma d’azione a 6 anni dalla «Laudato Si’»

Mag 24, 2021 | Osservatorio News

Il bilancio positivo dell’Anno Speciale dedicato alla cura della casa comune. Una nuova piattaforma d’azione a 6 anni dalla «Laudato Si’» - Osservatorio Permanente sui Beni Ecclesiastici

I movimenti, le associazioni e le Chiese locali hanno risposto con entusiasmo all’appello di Papa Francesco nell’Anno Speciale che è stato dedicato alla cura della casa comune. In arrivo la Piattaforma Laudato Si’. Un documento dall’indubitabile impatto che compie 6 anni.

 

Una missione fondamentale

Si è appena chiuso l’Anno Speciale per riflettere sui temi della Laudato Si’. Il Dicastero per il Servizio dello Sviluppo Umano Integrale dovrà continuare ad operare per riunire le sensibilità del mondo cattolico. Il bilancio è così positivo che si è già innescato un nuovo processo nello spirito dell’ecologia integrale.
Un grande fermento attivato dal Santo Padre, attraverso il Dicastero, che vede la collaborazione strategica di importantissime realtà quali Global Catholic Climate Movement, Renova+, USG, Caritas, UISG e CIDSE.

 

La Piattaforma Laudato Si’

Dalla prospettiva del nostro Osservatorio, abbiamo fatto notare quanto sia limitante adottare un approccio meramente meditativo all’Enciclica Laudato Si’. Una lettura più approfondita ci mostra il documento come un vero e proprio piano di azione. Un programma che ha già rinnovato la mentalità del mondo cattolico attraverso un pragmatismo nuovo ed affascinante.

In questa direzione, Papa Francesco ha appena annunciato che «partirà subito la piattaforma Laudato Si’, un percorso operativo di sette anni che guiderà le famiglie, le comunità parrocchiali e diocesane, le scuole, le università, gli ospedali, le imprese, i gruppi, i movimenti e le organizzazioni, gli istituti religiosi, ad assumere uno stile di vita sostenibile».

 

7 anni per 7 obiettivi

Secondo le primissime notizie a nostra disposizione, si tratta di un programma della durata di 7 anni per realizzare 7 obiettivi con la finalità di donare speranza per la Terra e per i poveri. Le azioni intraprese dalle comunità saranno molto concrete ma soprattutto misurabili. Questo permetterà di raccogliere dati precisi e calibrare sempre meglio le iniziative per raggiungere le finalità proposte dalla piattaforma.

L’impegno di Papa Francesco è massimo. La determinazione è la stessa del settembre 2019 quando il Santo Padre pronunciò questo discorso:

È questo il tempo per intraprendere azioni profetiche. Molti giovani stanno alzando la voce in tutto il mondo, invocando scelte coraggiose. Sono delusi da troppe promesse disattese, da impegni presi e trascurati per interessi e convenienze di parte. I giovani ci ricordano che la Terra non è un bene da sciupare, ma un’eredità da trasmettere; che sperare nel domani non è un bel sentimento, ma un compito che richiede azioni concrete oggi. A loro dobbiamo risposte vere, non parole vuote; fatti, non illusioni.

L’Osservatorio Permanente sui Beni Ecclesiastici è già pienamente coinvolto in questo processo di svolta epocale per raccontare, promuovere e vivere quella conversione, nello spirito della Laudato Si’, che non può più essere prorogata.